WSOP: sfuma il sogno finale per Castelluccio, chiude 14˚

Arrivare tanto vicini al cielo da poterlo quasi toccare con un dito è qualcosa di stupendo. Quando però ritiri la mano convinto d’aver raccolto un pezzo di quel cielo, e t’accorgi che tra le dita non c’è rimasto niente, la delusione è di quelle fortissime. Ecco, la mano di Sergio Castelluccio non era esattamente vuota, dopo che il 37enne avellinese è passato alle casse del Rio Hotel@Casino di Las Vegas per ritirare il 14esimo premio del Main Event delle World Series of Poker. Ma aver mancato di un soffio, e cinque posizioni in un torneo che contava su 6.352 iscritti possono a buon diritto essere definite un soffio, l’approdo al tavolo finale del campionato del mondo di texas hold’em, è qualcosa che ti delude e ti ferisce quasi più di quanto non giovino i 451.398 dollari vinti. Innanzitutto perché arrivare tra i November Nine che tra poco più di quattro mesi al Penn@Teller Theatre del Rio si giocheranno il titolo di campione del mondo già di suo vale almeno duecentomila dollari in più. E poi perché per il vincitore, a novembre, ci sono in palio un po’ di soldi in più, giusto 8,3 milioni di dollari e spicci, e il braccialetto di platino che simboleggia il titolo iridato.

0 commenti:

Posta un commento

 

Poker Notizie © 2013 | Designed by Tagamet for warts

IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18. IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA. GIOCA RESPONSABILMENTE