Phil Ivey, appello contro l'accusa di barare

Al giocatore professionista di poker Phil Ivey è stato concesso il permesso di appellarsi all'Alta Corte per la sentenza del 2014, a favore di casinò Genting, per il pagamento di 7,8 milioni di £ vinti al baccarat in Crockfords nel mese di agosto del 2012.

In particolare, il giudice della Corte d'Appello, Lord Justice Lewison, nel concedere il permesso di fare appello ad Ivey, ha dichiarato che i suoi motivi di ricorso "sollevano un'importante questione di diritto e di avere una reale prospettiva di successo." L'appello è previsto per Mercoledì, 13 aprile.

Phil Ivey, che a 40 è stato il giocatore più giovane di sempre a raggiungere i 10 braccialetti World Series of Poker Championship, ha detto dalla sua casa di Las Vegas, "Come ho detto, al momento del verdetto di Londra nel mese di ottobre 2014, non è nella mia natura imbrogliare, che è il motivo per cui ero così amaramente deluso dalla decisione del giudice, anche se ha detto che ero un testimone veritiero e che era sicuro che non credevo che quello che stavo facendo era barare. Questa formulazione della Corte d'Appello , che i motivi del nostro appello sollevare un'importante questione di diritto e di avere reali prospettive di successo è semplicemente la migliore notizia che ho avuto da quando ho vinto la 7,8 milioni di £ a Crockfords tre anni e mezzo fa, nel mese di agosto 2012. "

Ivey è rappresentato da Archerfield Partners LLP e Richard Spearman QCl del Thirty Nine Essex Street Chambers.

0 commenti:

Posta un commento

 

Poker Notizie © 2013 | Designed by Tagamet for warts

IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18. IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA. GIOCA RESPONSABILMENTE