Italia, il jackpot delle slot machine

Il nostro Paese è al quarto posto per il numero di scommesse alle macchinette e continua a crescere nel settore

Una manopola, a volte semplicemente un bottone, e il gioco è fatto. Sedersi davanti a una slot machine e iniziare a puntare è un gesto naturale che non richiede alcuna difficoltà o competenza specifica. Basta inserire il denaro e sperare di avere fortuna. Ecco perché le macchinette sono lo strumento di gambling più utilizzato in Italia, con un buon vantaggio su poker e altri generi di puntate.

Il Bel Paese è al quarto posto nella classifica mondiale per l'utilizzo di slot machine, alle spalle soltanto del leader indiscusso Giappone, degli Stati Uniti (che possono contare sull'apporto di Las Vegas) e di Macao. Il numero di apparecchiature autorizzate dallo Stato è di 400.000, con centinaia di migliaia di bar che permettono a qualsiasi giocatore di concedersi il piacere di una puntata. In fondo basta spesso soltanto una monetina, magari il resto del caffè, per sperare in una grossa vincita. E da quando nel 2011 le slot machine sono controllate dallo Stato, che ne garantisce la sicurezza, si è verificato un vero e proprio boom di scommesse. Impossibile d'altronde rinunciare all'opportunità di fare jackpot e portare a casa una discreta somma. Alla faccia del resto del caffè.

Non tutte le parti dell'Italia vivono il fenomeno slot machine allo stesso modo: la Toscana è la regione con la maggior densità di macchinette in correlazione al numero di abitanti. Il ruolo di città come Massa, Prato, Lucca e Pisa è fondamentale, essendo tra i luoghi in cui si concentra il maggior numero di giocatori. Il primato per entità di puntate spetta però all'Abruzzo, che precede Lombardia e Lazio nonostante la regione con Roma abbia il 12% delle slot presenti in tutto lo Stato. Tuttavia la città leader nel numero di giocate sui casinò game è Pavia, vero e proprio fulcro degli scommettitori italiani. I numeri parlano chiaro, uno dei centri abitati lombardi più frequentati dagli universitari italiani è nettamente al primo posto, con una slot machine ogni 104 abitanti. Non male considerando che sono “soltanto” 68mila i residenti. La presenza di così tanti giovani influisce probabilmente sul dato finale, considerando che le nuove generazioni sono le più propense a concedersi qualche puntatina ogni tanto. Nulla di strabiliante, se si pensa all'alone di scetticismo che ha per anni avvolto il gioco d'azzardo in tutta Italia. Finita la caccia alle streghe, i giocatori possono permettersi uno svago tranquillo e spensierato.

Tassello fondamentale per la crescita delle slot machine è l'online, vera e propria rivoluzione del mondo del gambling. Tantissime aziende di scommesse hanno lanciato da tempo i casinò online, spesso molto più attrezzati dei centri di divertimento più famosi. Nel caso in cui non avessi ancora avuto la possibilità di confrontarti con la nuova frontiera del gambling, prova subito le slot machine di 32Red, uno dei portali più apprezzati dai tanti utenti italiani.La qualità della grafica e l'affidabilità del sito permettono al giocatore di vivere un'esperienza paragonabile a quella del casinò reale comodamente seduto sul divano. In fondo se l'Italia è un paese di scommettitori non c'è niente di male. Soprattutto se questo porta ad avere aziende e slot machine di livello. E' questo il vero jackpot del gambling italiano.

0 commenti:

Posta un commento

 

Poker Notizie © 2013 | Designed by Tagamet for warts

IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18. IL GIOCO PUO' CAUSARE DIPENDENZA. GIOCA RESPONSABILMENTE